Turismo a Mosca: come la pandemia ha influenzato l'industria
2021-01-11 05:07

Turismo a Mosca: come la pandemia ha influenzato l'industria

La pandemia di coronavirus, che ha travolto il mondo nel 2020, ha colpito duramente l'industria dei viaggi. La Russia non fa eccezione. In confronto, il numero di viaggiatori che hanno visitato la capitale della nostra patria durante i primi 9 mesi del 2020 è stato la metà rispetto allo stesso periodo del 2019: solo 7 milioni di persone.

Nonostante questo, Mosca non ha perso la sua attrattiva per i turisti. Da metà giugno ad agosto di quest'anno (quando le restrizioni sul coronavirus sono state revocate), la metropoli è stata visitata da quasi un terzo in più di viaggiatori nazionali rispetto allo stesso periodo del 2019. Inoltre, nonostante la difficile situazione epidemiologica, le autorità della capitale sono riuscite a rafforzare la cooperazione internazionale nel mercato del turismo e hanno anche lanciato diversi progetti per sostenere questo importante settore dell'economia.

Contributo del settore turistico all'economia della capitale

L'industria del turismo è uno dei settori chiave dello sviluppo economico di Mosca. Prima di tutto, questa industria dà lavoro a circa 250 mila nostri compatrioti. Inoltre, dà un enorme contributo all'economia metropolitana attraverso l'acquisto di beni e servizi da parte di settori direttamente legati all'industria del turismo, anche grazie all'attrazione di ulteriori iniezioni di denaro nello sviluppo delle infrastrutture della capitale.

Nel 2019, Mosca è entrata nella top 20 delle città più visitate del continente europeo. La metropoli ha schiacciato giganti del turismo come Londra, Parigi e Amsterdam nella classifica. Il contributo totale di questa sfera all'economia della capitale l'anno scorso ammontava a 147 miliardi di rubli, e la quota delle entrate dal consumo turistico nella struttura del bilancio della città era più del 5%.

L'aumento del flusso di viaggiatori ha avuto un impatto positivo sul volume delle esportazioni non di risorse della città metropolitana. Così, Mosca ha fornito il 31,7% (127 miliardi di rubli) delle esportazioni di servizi turistici.

Da metà giugno ad agosto 2020, quando le restrizioni sul coronavirus sono state revocate, più di 1,8 milioni di persone hanno visitato la capitale. Questo è il 30% in più rispetto al 2019. Nonostante il fatto che i nostri compatrioti in generale hanno cominciato a spendere meno soldi in beni e servizi turistici, l'economia di Mosca si è arricchita di 34 miliardi di rubli in un solo mese estivo.

E come va il settore alberghiero?

La rete alberghiera sviluppata è una delle componenti chiave dell'intero settore turistico della capitale. Non è difficile indovinare che la chiusura delle frontiere statali a causa di COVID-19 ha ridotto significativamente il numero di ospiti negli alberghi. Nei primi mesi della pandemia circa 1/3 degli hotel di Mosca ha sospeso la sua attività, ma in estate quasi tutti hanno riaperto. Al momento ci sono circa 1400 hotel nella metropoli che sono pronti a ricevere i viaggiatori.

Molti hotel di Mosca hanno assistito le autorità nella lotta contro l'infezione da coronavirus. Per esempio, hanno fornito un alloggio temporaneo per i medici a contatto con i malati. Dalla primavera di quest'anno, gli hotel di Mosca hanno fornito circa 13 mila camere per i medici. Le autorità hanno sostenuto tale iniziativa con sovvenzioni per un totale di circa 1,7 miliardi di rubli. Inoltre, si sono impegnati a pagare l'alloggio degli operatori sanitari, fornendo loro il cibo e i servizi domestici necessari. Così, i medici sono stati forniti di condizioni di vita confortevoli in modo che non dovessero essere distratti dal loro compito principale - combattere l'infezione da coronavirus e salvare vite umane.

Altre misure di sostegno al settore turistico della capitale

Considerando l'alta importanza del turismo per l'economia della Federazione Russa in generale e per Mosca in particolare, le autorità hanno elaborato una serie di misure anti-crisi per le organizzazioni della capitale. Poiché l'industria alberghiera è stata la più colpita dalle restrizioni, i proprietari delle imprese ospiti hanno ricevuto i maggiori bonus. Oltre all'assistenza finanziaria sotto forma di sovvenzioni, hanno ricevuto vacanze in affitto. Al momento questa misura di sostegno è stata utilizzata da circa 120 organizzazioni e singoli imprenditori. Dal 1 marzo al 30 giugno sono stati esentati dalla necessità di pagare l'affitto circa 140 hotel, così gli imprenditori hanno risparmiato circa 130 milioni di rubli.

Le imprese turistiche di Mosca, appartenenti alle piccole e medie imprese, hanno anche ricevuto dalle autorità i benefici e le sovvenzioni. Per esempio, la compensazione dei costi dell'alloggio e delle utenze e la cancellazione degli interessi dei prestiti bancari.

Partenariato industriale

Molti rappresentanti dell'industria del turismo hanno cercato di utilizzare la situazione creata dalla pandemia a loro vantaggio: rivalutare il loro prodotto e acquisire nuove esperienze di cooperazione con entità di mercato in settori correlati. Il Comitato per il Turismo di Mosca li ha aiutati in questo senso, sviluppando e proponendo diversi nuovi progetti.

Per esempio, nel febbraio 2020, Mosca ha ospitato il primo hackathon turistico della Russia, Moscow Travel Hack. Il tema principale dell'evento era la digitalizzazione dell'industria del turismo, e i finalisti hanno ricevuto un sostegno statale per lo sviluppo dei loro progetti. Più di 250 squadre di sviluppatori IT hanno partecipato all'evento.

Come parte dello stesso progetto, si è tenuta una serie di eventi anti-crisi. Questi includevano webinar a cui hanno partecipato i principali esperti dell'industria dei viaggi. Negli incontri virtuali è stata discussa un'ampia gamma dei temi più rilevanti: dagli strumenti di marketing territoriale alle questioni di ulteriore sviluppo del settore.

Nel maggio di quest'anno, una piattaforma digitale chiamata travelhub.moscow ha iniziato a funzionare. Il suo obiettivo è quello di unire tutti i rappresentanti dell'industria turistica della capitale in una piattaforma virtuale. Qui, gli imprenditori possono condividere la loro esperienza, sviluppare insieme prodotti turistici fondamentalmente nuovi, concordare la cooperazione e così via.

Un altro progetto anti-crisi è il workshop online "Moscow Speaks!", lanciato da Mosturizm. Il programma della piattaforma digitale comprendeva una serie di webinar che hanno aiutato gli imprenditori ad abituarsi alla nuova realtà, a conoscere le tendenze più importanti del mondo nel settore del turismo, ecc.

Progetti innovativi

Nonostante la difficile situazione epidemiologica, l'anno in corso è stato caratterizzato dal lancio di diversi progetti innovativi per l'industria turistica di Mosca. Per esempio, per ordine delle autorità di Mosca, è stato sviluppato il servizio digitale Russpass. Il suo scopo è quello di aiutare i turisti a organizzare il loro viaggio. Il portale è progettato sia per i nostri connazionali che per gli ospiti dall'estero. Con l'aiuto di Russpass si può scegliere il percorso migliore, prenotare un hotel, noleggiare un veicolo, comprare un biglietto per un museo e molto altro. Il sito è supervisionato dal Comitato di Mosca per il turismo e dal Dipartimento IT.