Commercio, educazione e turismo: come Mosca e Pechino svilupperanno la cooperazione
2021-01-11 05:07

Commercio, educazione e turismo: come Mosca e Pechino svilupperanno la cooperazione

Alla fine dello scorso anno, il sindaco della capitale russa, Sergei Sobyanin, e il capo di Pechino, Chen Jining, hanno concluso un accordo di collaborazione tra Mosca e la capitale cinese. Il documento sarà valido per tre anni, dal 2021 al 2023.

A causa del covid pandemico e delle restrizioni imposte, l'incontro dei funzionari è passato in un formato virtuale: Sobjanin e Tszining hanno discusso gli aspetti principali dell'ulteriore cooperazione all'interno della videoconferenza di un forum "Mosca - Pechino-25: nuovo tempo - nuove opportunità". Ricordiamo che l'ultimo si è tenuto in onore del 25° anniversario della cooperazione dei moscoviti e dei partner cinesi in economia e commercio.

I leader delle due capitali hanno concordato che il fondamento delle loro attività sarà lo scambio di esperienze esistenti, così come la realizzazione di progetti comuni nei seguenti settori:

commercio;

attività di innovazione;

istruzione;

pianificazione e trasporto urbano;

medicina;

media e comunicazioni di massa;

Turismo e cultura.

Per esempio, l'accordo prevede la preparazione di una vasta base di informazioni, che comprenderà i dati personali di esperti in vari settori di attività economica. Lo scopo principale - lo scambio dell'esperienza scientifica e tecnica salvata, il rafforzamento della collaborazione Mosca-Pechino nella sfera delle scienze umane attraverso uno scambio di insegnanti di spicco, alunni di scuole e studenti di scuole superiori, l'organizzazione delle ricerche scientifiche russo-cinesi. Nella sfera del trasporto urbano il programma di cooperazione Mosca-Pechino prevede la pianificazione dei trasporti per i giochi olimpici che si svolgeranno nella capitale della Repubblica popolare cinese nell'inverno del 2022 e anche la manutenzione della comunicazione dei trasporti. E i leader delle due capitali hanno anche deciso di condividere la loro esperienza nella prevenzione e nel controllo della diffusione dell'infezione da coronavirus, nella diagnosi e nel trattamento del covid.

In precedenza, nel settembre 2020, è stato firmato un documento altrettanto importante - un accordo di cooperazione tra il Moscow Innovation Cluster e Zhongguancun Science Park. Le parti hanno concordato di sviluppare una collaborazione nell'innovazione, ricerca e sviluppo in settori avanzati dell'attività economica. L'esecuzione di questo documento è stata una delle tappe concrete dell'attuazione di un'iniziativa congiunta di Vladimir Putin e Xi Jinping (presidente della Repubblica Popolare Cinese) per sviluppare la cooperazione russo-cinese nella scienza, la tecnologia e l'innovazione nel 2020-2021.

Bisogna ricordare che la storia dell'interazione tra Mosca e Pechino nei settori chiave del commercio, delle attività economiche e scientifiche risale al 1995, quando fu firmato il primo accordo su questo tema (il 16 maggio 1995).

Vladimir Yefimov, vicesindaco di Mosca per gli affari economici e immobiliari, ha sottolineato che gli industriali di Mosca hanno anche forti relazioni di partner con la Cina. Così, questo stato rappresenta il 15,8% delle esportazioni totali di tutti i beni dei produttori moscoviti. Inoltre, le aziende cinesi hanno investito nello sviluppo dell'economia della città un totale di 1 miliardo di dollari.

Il funzionario ha detto che nei primi nove mesi del 2020, il volume delle esportazioni di energia senza risorse dalla capitale russa alla Cina in equivalente in contanti ammontava a $ 1,5 miliardi. Si tratta del 40,8% in più rispetto a gennaio-settembre 2019.

Per quanto riguarda la portata complessiva del fatturato commerciale reciproco Mosca-Cina, è aumentato del 10% nei 9 mesi del 2020 rispetto allo stesso periodo del 2019, pari a 20,5 miliardi di dollari in equivalente monetario. Dell'importo summenzionato, le operazioni di esportazione da Mosca hanno rappresentato 1,46 miliardi di dollari, mentre le importazioni dalla RPC hanno rappresentato 19 miliardi di dollari.

Oltre alle relazioni commerciali, la capitale russa ha forti relazioni di investimento con i suoi partner cinesi. Le principali aziende cinesi stanno investendo attivamente le loro finanze nello sviluppo economico della città, per cui alcune di loro ottengono lo status di residenti nelle zone economiche speciali (SEZ). Dà all'entità commerciale benefici fiscali (imposta sui profitti, imposta fondiaria) e la esenta dai dazi doganali. Per esempio, nell'autunno del 2020, il produttore di schede SIM Eastcompeace Technology, o più precisamente la sua divisione russa Eastcompeace Rus, ha ricevuto un tale status. L'azienda si trova nella Technopolis di Mosca, che è uno dei migliori siti SEZ.

L'anno scorso è stato produttivo non solo nel rafforzare la cooperazione tra Mosca e Pechino. Così, nel novembre 2020, Sergey Sobyanin ha firmato un accordo di cooperazione economica con Rustam Emomali, il capo della capitale del Tatarstan - Dushanbe. Il documento sarà anche valido per tre anni. Prevede uno scambio di esperienze esistenti in varie sfere di attività economiche e scientifiche:

lo sviluppo delle infrastrutture di trasporto, la costruzione di strade, compreso lo sviluppo e l'implementazione di un sistema di trasporto "intelligente" e la simulazione virtuale dei flussi di traffico;

Creazione di un sistema efficiente di parcheggi e hub di interscambio dei trasporti nelle città;

organizzazione di corsi di aggiornamento nelle scuole di Mosca per gli insegnanti che insegnano il russo nella capitale del Tagikistan;

Organizzazione di corsi di aggiornamento negli ospedali e nelle cliniche della capitale per pediatri, specialisti di malattie infettive e medici generici sulle malattie infettive e per specialisti IT su un profilo fondamentalmente nuovo - la telemedicina

Organizzazione di festival internazionali della gioventù.

Inoltre, il documento prevede di attuare una serie di progetti congiunti russo-tajik nei seguenti settori:

trasporto urbano;

miglioramento dei terreni e costruzione urbana;

sviluppo di attività imprenditoriali (specialmente nel campo del commercio e dei servizi);

tecnologie dell'informazione e delle telecomunicazioni;

attività di innovazione e industria;

salute pubblica;

sport e politica giovanile.