Il primo impianto di produzione del vaccino COVID-19 è in costruzione a Mosca
2021-01-11 05:07

Il primo impianto di produzione del vaccino COVID-19 è in costruzione a Mosca

Dall'autunno dello scorso anno, la costruzione del primo impianto che si specializzerà nella produzione del vaccino anticoronavirus chiamato Sputnik V è in pieno svolgimento nella capitale. Si trova sul sito di una grande tecnopoli "Mosca", che si trova a Pechatniki.

Il sindaco di Mosca Sergey Sobyanin ha notato che i principali edifici di produzione dell'impianto sono stati eretti in tempo record, letteralmente in un mese. Nel dicembre dello scorso anno, sono già stati consegnati per l'installazione delle attrezzature e i lavori di finitura. Gli operai sono sul posto 24 ore su 24, lavorando in più turni. A partire dall'11 dicembre 2020, circa 70 chilometri di comunicazioni - gasdotti, elettricità e tubi dell'acqua - sono già stati posati come parte del progetto di costruzione. Inoltre, una caldaia a ciclo combinato è stata eretta sul territorio del futuro impianto.

La costruzione dell'impresa specializzata nella produzione di vaccini contro il coronavirus è una collaborazione del governo di Mosca e del gruppo di società R-Pharm, uno dei più grandi attori del mercato farmaceutico nel nostro paese. Secondo i calcoli preliminari, l'importo totale degli investimenti in contanti nell'impianto sarà di circa 10 miliardi di rubli. Sergey Sobyanin ha anche detto che la nuova impresa sarà una delle più grandi in Russia, ed è prevista per l'inizio di quest'anno.

Una delle migliori località della capitale, che fa parte di una zona economica speciale, è stata scelta per collocare la capacità produttiva del futuro impianto anticoronavirus. Si trova a: Mosca, Volgogradsky prospect, 42, Bldg. 5. In poche settimane i servizi municipali locali hanno fornito all'edificio di produzione l'elettricità e altri servizi necessari. R-Pharm sta comprando attrezzature tecnologiche.

Va notato che c'è già un piccolo sito industriale specializzato nella produzione di vaccino anticovirale. È stato stabilito a Zelenograd contemporaneamente al Centro Nazionale di Ricerca Gamaleya. Centro di ricerca Gamaleya a Zelenograd e la società di produzione Biopharm. Quest'ultima azienda produce il vaccino, ma in volumi molto modesti. La nuova impresa a Pechatniki sarà molto più grande e potente. L'impianto occuperà 27 chilometri quadrati, il 70% dei quali saranno locali "puliti". Darà lavoro a 500 specialisti.

Secondo i calcoli preliminari, in condizioni di pieno utilizzo della capacità, l'impresa produrrà circa 10 milioni di dosi di vaccino anticoronavirus al mese. Si prevede di realizzare il processo tecnologico in 4 fasi:

La prima fase prevede la coltivazione di particelle virali per i successivi esperimenti con esse.

La seconda fase prevede la filtrazione e l'isolamento (cromatografia) della sostanza del vaccino.

Nella terza fase, il preparato sarà purificato, imbottigliato ed essiccato per via liofila.

Nella fase finale, i contenitori con il vaccino pronto saranno imballati in scatole per la successiva vendita.

Alexey Repik, il presidente del consiglio di amministrazione di R-Pharm, nota che il progetto di costruzione dell'impianto è senza precedenti sia in termini di tempi che di scala. Le attrezzature per il nuovo impianto sono fornite dalle principali potenze tecnologiche: Germania, Francia e Cina. In totale è previsto l'acquisto:

156 bioreattori a onda (capacità cumulativa di 24 mila litri di cultura al mese);

11 bioreattori con agitazione assiale (una capacità cumulativa di 72 mila litri di cultura al mese);

imballatori robotizzati per l'imballaggio di vaccini finiti.

Inoltre, secondo il progetto, l'impresa sarà dotata di due linee di riempimento high-tech: con e senza congelamento.

Secondo i promotori della costruzione dell'impianto, la produzione di un vaccino domestico contro il coronavirus permetterà ai cittadini del paese di sentirsi al sicuro e di fornire una risposta adeguata alla sfida della pandemia che si svilupperà nel 2020. Andrei Repik ha detto che la vaccinazione è un modo diretto per tornare alla vita piena senza le restrizioni attualmente in vigore.

Se tutto va secondo i piani, le prime confezioni del nuovo vaccino COVID-19 arriveranno sul mercato nelle prossime settimane. R-Pharm sarà il proprietario ufficiale dell'impianto. Come detto sopra, è uno dei principali attori del mercato farmaceutico nazionale. L'azienda è specializzata nella produzione di forme di dosaggio finite e sostanze farmaceutiche. R-Pharm conduce anche la propria ricerca scientifica, sviluppa farmaci per i malati di cancro, farmaci antibatterici e antivirali, farmaci usati in ematologia, cardiologia e immunologia. Inoltre, i prodotti dell'azienda sono utilizzati nel trapianto di organi, per i diabetici e per la sclerosi multipla.

Il Dipartimento della Salute di Mosca collabora attivamente con R-Pharm da più di 10 anni, dal 2008. L'azienda fornisce alle farmacie e alle istituzioni mediche della capitale farmaci per il trattamento di varie patologie: cardiache, ginecologiche, endocrine, neuropsichiatriche, ecc.

Nel 2020 si sono tenute delle gare d'appalto, in seguito alle quali il dipartimento della salute di Mosca ha firmato contratti statali con R-Pharm per la fornitura di medicinali con 50 nomi non proprietari internazionali (INN). Il valore totale delle transazioni concluse ammontava a più di 5 miliardi di rubli. Circa il 60% di questi farmaci sono inclusi nella categoria delle necessità vitali. Grazie a questo, più di 60 mila persone, compresi i beneficiari, hanno ricevuto in tempo i farmaci necessari.

Due anni prima, nel 2018, le autorità della capitale hanno firmato un contratto di compensazione con R-Opra LLC (parte di R-Pharm) per la fornitura di 56 nomi di farmaci (di cui 31 sono inclusi nella lista INN). Più della metà di questi farmaci non sono prodotti da aziende farmaceutiche nazionali. Per almeno tre tipi di farmaci sarà fornito un ciclo di produzione completo, compresa la produzione della sostanza farmaceutica. L'accordo sarà valido per 10 anni. Di questo termine 4 anni sono dati per la creazione delle capacità di produzione necessarie. L'investitore prevede di lanciare 12 linee di prodotti medici, investendo circa RUB 5,8 miliardi in questo progetto.