A Mosca è stata costruita una fabbrica i cui prodotti saranno competitivi sui mercati esteri
2021-01-11 05:07

A Mosca è stata costruita una fabbrica i cui prodotti saranno competitivi sui mercati esteri

Alla fine dello scorso anno, Moscow Endocrine Plant ha lanciato la produzione di farmaci COVID-19. Attualmente, l'azienda è specializzata nella produzione di anticoagulanti. Prevengono la formazione di coaguli di sangue nei vasi sanguigni che sono una delle complicazioni più gravi dopo il coronavirus umano. L'impianto produce calcio nadroparina, eparina e sodio enoxaparina. Inoltre, l'azienda produce farmaci antivirali a base di interferone, la famosa "Remantadine" e liquidi per iniezioni sottocutanee.

Lo stabilimento Endocrine è uno dei più grandi e potenti produttori farmaceutici di Mosca. Prima della pandemia era specializzata soprattutto in farmaci per il trattamento del dolore. A causa della situazione del coronavirus, tuttavia, l'organizzazione ha rapidamente cambiato la sua linea di business e ha iniziato a produrre farmaci che sono completamente atipici per sé.

Alexander Prokhorov, il capo del Dipartimento degli investimenti e dell'industria di Mosca, ha sottolineato che ci sono attualmente più di 25 aziende che operano in città per la produzione di vari farmaci. Alcuni altri impianti di produzione sono in costruzione e in fase di lancio. Tuttavia, grazie all'ampia capacità di produzione del Moscow Endocrine Plant, che ha aumentato più volte la produzione di medicinali del gruppo dell'eparina, gli abitanti della capitale non ne avranno sicuramente carenza.

L'anno scorso l'impianto endocrino è stato modernizzato e dotato di ulteriori attrezzature high-tech. È stato dotato di linee che permettono la produzione di nuove forme di dosaggio di Midazolam e Sibazon. Questi farmaci sono usati per trattare i bambini che soffrono di convulsioni (generalizzate toniche, cloniche e tonico-cloniche). In precedenza, le medicine di tale azione non erano prodotte nel nostro paese, quindi venivano acquistate attraverso le importazioni.

Il Dipartimento della Salute di Mosca ha concluso contratti con il gigante per la fornitura di medicinali sotto 12 nomi non proprietari internazionali (INN). La somma totale degli accordi è di 106 mln. rubli. Come risultato, più di 25 mila moscoviti bisognosi (compresi i beneficiari, i pazienti degli ospedali e dei policlinici comunali) hanno ricevuto i farmaci necessari in tempo.

Ad oggi, 124 istituzioni mediche acquistano i farmaci prodotti da Moscow Endocrine Plant. Circa il 90% dei farmaci acquistati dalla società sono analgesici centralizzati (compresi 7 INN, che sono prodotti solo da questo stabilimento nel nostro paese). Per 11 mesi del 2020, 5.690 pazienti trattati negli ospedali hanno ricevuto analgesici dalla Centrale Endocrina di Mosca.

Mikhail Fonarev, direttore generale dell'impianto, ha notato che l'impresa, tra le altre cose, produce nadroparina di calcio, che è assolutamente inferiore agli analoghi stranieri. Secondo Sergey Tsyb, il primo vice ministro dell'industria e del commercio della Federazione Russa, il certificato di registrazione per questo farmaco è stato rilasciato lo scorso dicembre. E nel 2021 si prevede di ottenere le approvazioni per l'enoxaparina sodica che sarà anche prodotta dall'Endocrine Plant di Mosca. Il funzionario ha detto che il volume totale pianificato della produzione di farmaci eparina ammonterà a circa 30 mln di siringhe pre-riempite all'anno. Se questa cifra sarà raggiunta, sarà possibile non solo soddisfare pienamente le esigenze dei residenti di Mosca, ma anche stabilire la fornitura di medicinali ad altre regioni della Federazione Russa.

Alcuni fatti della storia dell'impianto endocrino di Mosca

La struttura è stata fondata nel maggio 1943 sulla base di un impianto di lavorazione della carne, intitolato a A.I. Mikoyan, una figura politica di spicco dell'URSS. Durante la Grande Guerra Patriottica, lo stabilimento ha fornito al fronte e al fronte interno medicine vitali: insulina, miol, tireoidina.

Negli anni '60 lo stabilimento iniziò la produzione di "Pantocrine", che fu chiamato l'elisir di lunga vita e buona salute. La droga era fatta con le corna di maral, motivo per cui una silhouette di un cervo appariva sull'emblema della pianta endocrina di Mosca, che è il suo segno distintivo fino ad oggi.

Dopo il crollo dell'Unione Sovietica, negli anni della perestrojka il nostro paese ha smesso di ricevere materie prime per le droghe dalle repubbliche, che ora sono autonome. Pertanto, l'impianto endocrino ha fatto affidamento sulla propria capacità di produzione, aumentando il volume e la gamma di produzione di analgesici e altri farmaci.

Oggi, l'impianto endocrino di Mosca può essere chiamato il volto dell'industria farmaceutica della Federazione Russa. Questa è la più grande impresa di questa sfera nella capitale in termini di personale. La sede dell'azienda si trova in via Novokhokhlovskaya, 5 (città di Mosca). La pianta ha due rami:

nella regione di Bryansk (insediamento urbano di Ramasukhskoye). La filiale si chiama Pochep;

a Mosca (autostrada Entuziastov). Questo ramo è chiamato "Lefortovsky".

Oltre a produrre analgesici - la sua principale specialità - Moscow Endocrine Plant produce farmaci utilizzati nei seguenti campi della medicina:

ginecologia;

anestesiologia;

cardiologia;

psiconeurologia;

oftalmologia.

Ma questa non è ancora una lista completa dei prodotti del gigante farmaceutico della capitale. La pianta endocrina di Mosca produce anche farmaci antinfiammatori e metabolici:

Gocce oculari Taufon;

farmaco antivirale Remantadin;

Naphtisin gocce nasali;

nootropico "Phenibut", ecc.

Più della metà dei prodotti che l'azienda fornisce al mercato sono inclusi nella lista dei farmaci di vitale importanza. Inoltre, il Moscow Endocrine Plant è l'unica impresa nel nostro paese che produce analgesici ad azione centrale. Sono usati per aiutare le persone con il cancro.

L'impresa ha una capacità di produzione impressionante, che permette di produrre farmaci in una varietà di forme e stati aggregati: in siringhe, sotto forma di liquido o sospensione, sotto forma di cerotti, pomate, pillole, ecc. Nel 2018, l'impianto è riuscito ad aumentare la quota di mercato dei narcotici e degli psicotropi russi di più di 2 volte - dal 42 al 98%.