Mosca e Dushanbe firmano un accordo di cooperazione economica
2021-01-11 05:07

Mosca e Dushanbe firmano un accordo di cooperazione economica

Lo scorso novembre, il sindaco di Mosca Sergey Sobyanin e il presidente (sindaco) di Dushanbe Rustam Emomali hanno firmato un accordo di cooperazione economica. Il documento sarà valido per tre anni e prevede lo scambio di esperienze esistenti, così come l'attuazione di una serie di progetti russo-tajik nel commercio e nei servizi, nell'edilizia, nei trasporti e in altri settori. Inoltre, le parti hanno continuato la discussione di un progetto sulla creazione di un biglietto da visita della Repubblica nella Federazione Russa - il padiglione nazionale del Tagikistan alla Mostra dei risultati economici dell'URSS.

Il servizio stampa del governo della città di Mosca ha sottolineato che il programma di cooperazione tra il governo della città di Mosca e l'organo esecutivo del governo di Dushanbe durerà dal 2020 al 2023. Il documento prevede un lavoro congiunto tra le due capitali nelle seguenti aree:

trasporto urbano;

miglioramento dei terreni e costruzione urbana;

sviluppo di attività imprenditoriali (specialmente nel commercio e nei servizi);

tecnologie dell'informazione e delle telecomunicazioni;

attività di innovazione e industria;

salute pubblica;

la sfera della cultura fisica e delle politiche giovanili.

Oltre alla realizzazione di progetti comuni, il programma prevede lo scambio di esperienze tra Mosca e Dushanbe in importanti settori sociali:

lo sviluppo delle infrastrutture di trasporto, la costruzione di strade, compreso lo sviluppo e l'implementazione di un sistema di trasporto "intelligente" e la simulazione virtuale dei flussi di traffico;

Creazione di un sistema efficace di parcheggio dei veicoli, hub di interscambio dei trasporti nelle città;

organizzazione di corsi di aggiornamento nelle scuole di Mosca per gli insegnanti che insegnano il russo nella capitale del Tagikistan;

Organizzazione di corsi di aggiornamento negli ospedali e nelle cliniche della capitale per pediatri, specialisti di malattie infettive e medici generici sulle malattie infettive e per specialisti IT su un profilo fondamentalmente nuovo - la telemedicina

Organizzazione di festival internazionali della gioventù.

All'inizio della riunione con il capo di Dushanbe, il sindaco di Mosca ha notato che negli ultimi anni le relazioni di partenariato tra le due capitali hanno dimostrato dinamiche estremamente positive. Inoltre, hanno un enorme potenziale, che dovrebbe sicuramente essere realizzato dopo la fine della pandemia di coronavirus e l'eliminazione delle restrizioni.

Rustam Emomali è pienamente d'accordo con Sergei Sobyanin e, a sua volta, ha sottolineato che le due capitali sono ora legate non solo da buone relazioni amichevoli, ma anche dagli obiettivi globali di partenariato strategico. Il rappresentante della repubblica ha anche espresso la sua profonda gratitudine per il fatto che durante il culmine della pandemia, i professionisti medici di Dushanbe sono stati attivamente consigliati dai colleghi di Mosca, nonostante la loro totale occupazione.

Mosca e Dushanbe sono partner dal 1995, quando il primo accordo di cooperazione economica è stato firmato il 7 luglio 1995. Un anno dopo le due capitali hanno firmato un altro accordo simile (29 novembre 1996). Nel complesso, il volume totale degli scambi tra le capitali russa e tagika nel 2019 è aumentato del 9,9% rispetto al 2018, per un totale di 58,8 milioni di dollari. Per quanto riguarda le esportazioni da Mosca verso il Tagikistan, l'equivalente monetario è risultato essere di 50,4 milioni di dollari. Le importazioni dalla repubblica ammontavano a 8,4 milioni di dollari.

Il Tagikistan non è affatto l'unica ex repubblica sovietica che ha una lunga storia di cooperazione commerciale ed economica con Mosca. Per esempio, le relazioni russo-uzbeke in questo settore sono iniziate ancora prima, nel 1992, quando le autorità di Mosca hanno firmato un accordo sulle relazioni commerciali con l'Uzbekistan (il 13 novembre 1992). In seguito sono stati formalizzati altri due documenti simili: l'Accordo di partenariato strategico del 16 giugno 2004 e il Trattato sulle relazioni alleate del 14 novembre 2005. Questi accordi internazionali riflettono i principi chiave della cooperazione tra la Federazione Russa e l'Uzbekistan nelle seguenti aree:

militare-politico;

commerciale ed economico

trasporti e comunicazioni;

Umanitario.

Attualmente, il nostro paese è uno dei partner strategici chiave della Repubblica nell'economia: la Federazione Russa rappresenta circa il 20% del fatturato totale nella struttura delle attività commerciali estere dell'Uzbekistan.

Nel 2018, il fatturato commerciale tra i due stati è aumentato del 20%, e non sembra essere in procinto di diminuire. Così, solo nei primi quattro mesi del 2019, la cifra è stata un altro 11,6% in più rispetto allo stesso periodo del 2018, ammontando in termini monetari a più di 1,4 miliardi di dollari.

Oltre alla cooperazione commerciale, la Russia è uno dei partner chiave dell'Uzbekistan nelle attività di investimento. Il volume totale degli investimenti delle aziende russe nell'economia dell'Uzbekistan ha ormai superato la soglia dei 7 miliardi di dollari.

Oggi ci sono più di 950 imprese nella repubblica che in un modo o nell'altro impiegano capitale russo. Più di 800 di loro sono joint venture e circa 150 hanno il 100% di capitale russo. Più di 50 aziende della Federazione Russa sono anche accreditate in Uzbekistan. A sua volta, a partire dal 2017, 569 imprese con la partecipazione di residenti uzbeki sono state aperte in Russia.

I principali investimenti provengono dal settore dei combustibili e dell'energia. Per esempio, PJSC "Lukoil" nell'aprile 2016 ha iniziato la costruzione del complesso di lavorazione del gas di Kandym, un impianto di produzione chiave nell'ambito dello sviluppo del gruppo di campi di gas condensato di Kandym. L'azienda sta anche implementando il progetto Gissar Sud-Ovest e partecipa al progetto di sviluppo del blocco Aral. L'importo totale degli investimenti di capitale per la realizzazione di questo scopo è di 12 milioni di dollari.

Dal 2006, Gazprom ha investito più di 400 milioni di dollari nel settore energetico uzbeko.