Panoramica dei beni popolari prodotti dalle aziende moscovite per il mercato europeo
2021-01-11 05:07

Panoramica dei beni popolari prodotti dalle aziende moscovite per il mercato europeo

Nella prima metà del 2020, le imprese russe della capitale hanno guadagnato più di 2 miliardi di dollari sulle esportazioni di materie prime non energetiche verso gli stati dell'Europa settentrionale e orientale. Secondo Vladimir Efimov, il vice di Sergei Sobyanin per la politica economica e le relazioni con la proprietà e il territorio, le merci più popolari con gli stranieri sono vari macchinari (compresi quelli automobilistici) e attrezzature meccaniche, così come i prodotti farmaceutici. I prodotti medici e alimentari hanno mostrato le dinamiche più impressionanti. Nei primi sei mesi dello scorso anno, il volume totale delle esportazioni di questi beni in Europa è quasi raddoppiato.

Il funzionario ha notato che i paesi europei sono interessati a certi gruppi di merci, prodotti dalle imprese industriali di Mosca, a causa della loro vicinanza geografica. Per quanto riguarda le vendite di prodotti dell'industria farmaceutica e alimentare all'estero, il volume delle vendite è aumentato del 50-90% in sei mesi. I principali acquirenti sono stati:

Repubblica Ceca. Ha comprato cibo e medicine per 177,16 milioni di dollari dai moscoviti;

Estonia. Arricchito i produttori di capitale di 145,93 milioni di dollari;

Finlandia. Acquistato per 143,23 milioni di dollari;

Svezia. Ha speso meno degli altri - 103,98 milioni di dollari.

Nel gennaio-giugno 2020, le vendite di ricambi auto e dispositivi meccanici alla Danimarca sono esattamente raddoppiate. Questo ha innescato un aumento complessivo del 6% delle esportazioni dei produttori della capitale verso questo paese. Anche l'Islanda non si è fatta da parte. Rispetto ai primi sei mesi del 2019, le esportazioni di merci da Mosca a questo stato sono aumentate di quasi 10 volte.

Secondo Alexander Prokhorov, capo del Dipartimento per gli investimenti e la politica industriale della capitale, anche se in generale il flusso di esportazioni non energetiche in Islanda da parte dei moscoviti è stato piccolo, un aumento così significativo è stato causato dalle consegne di attrezzature meccaniche e macchinari (comprese le attrezzature informatiche). Più del 90% del volume totale delle merci fornite a questo paese dalle imprese di Mosca in 6 mesi del 2020 è attrezzatura progettata per la filtrazione e purificazione di liquidi e gas.

Inoltre, da gennaio a maggio 2020 le imprese industriali e agroindustriali della capitale hanno venduto i loro prodotti a 151 paesi del mondo. Il principale acquirente è stato il Regno Unito: con esso sono stati firmati contratti di fornitura per 3,34 miliardi di dollari. Il secondo posto è andato agli Stati Uniti (1,15 miliardi di dollari di prodotti acquistati dai moscoviti). La Bielorussia è al terzo posto (900 milioni di dollari), mentre il Kazakistan (880 milioni di dollari) è al quarto posto.

Come per i primi tre trimestri del 2020, c'è anche una dinamica positiva delle esportazioni non energetiche dalla capitale russa verso i paesi europei. Secondo Vladimir Yefimov, il volume totale delle vendite durante il suddetto periodo è stimato in 15,3 miliardi di dollari. La parte del leone la fa l'esportazione di merci verso l'Europa occidentale. Nel gennaio-settembre 2020, i produttori di Mosca sono riusciti a guadagnare 11,7 miliardi di dollari in questo mercato.

Vladimir Yefimov ha anche evidenziato le aree prioritarie della domanda estera per i prodotti delle imprese di Mosca:

Circuiti integrati elettronici. I ricavi delle loro vendite all'estero ammontano a 2,74 milioni di dollari. Questa cifra è quasi il doppio di quella del periodo gennaio-settembre 2019.

Prodotti farmaceutici. L'importo delle entrate ammontava a 1,17 milioni di dollari. Cioè, il volume delle esportazioni è aumentato di quasi 18 volte.

Prodotti cosmetici. Le vendite sono triplicate e ammontano a 0,67 milioni di dollari.

I mercati chiave del Nord Europa erano due paesi: Danimarca e Norvegia. I moscoviti hanno fornito attrezzature di distribuzione a bassa tensione ai primi, e attrezzature meccaniche e macchinari (compresi quelli informatici) ai secondi. Il totale delle vendite a questi due paesi nei primi 9 mesi del 2020 è stato di 2,13 milioni di dollari in termini monetari.

Alexander Prokhorov nota che nella struttura delle esportazioni del capitale verso i paesi europei, c'è stato anche un aumento delle forniture ai paesi baltici. Durante i primi tre trimestri dell'anno scorso, sono quasi raddoppiati.

A conferma delle sue parole, il funzionario cita delle cifre. Così, il volume totale delle forniture dei produttori di Mosca ai Baltici nel gennaio-settembre 2020 ammontava a 276,11 milioni di dollari. In Lettonia hanno venduto merci per 79,15 milioni di dollari (la domanda è aumentata del 31,5%), in Estonia - 151,18 milioni di dollari (la domanda è cresciuta del 418,3%). È stato anche notato che la Lettonia ha acquistato principalmente i prodotti di scopi medici e cosmetici dalle imprese della capitale, mentre l'Estonia ha acquistato i prodotti dell'industria chimica, attrezzature e dispositivi medici.

Alexei Fursin, il capo del dipartimento di Mosca per lo sviluppo commerciale e innovativo, nota che le imprese moscovite che esportano nei paesi europei hanno l'opportunità di partecipare gratuitamente a missioni commerciali, mostre specializzate chiave e festival nell'ambito del programma "Made in Moscow". Come un altro piacevole bonus, tali entità commerciali possono ricevere sovvenzioni, il cui importo è fino al 10% dei contratti di esportazione eseguiti.

Alexey Fursin ha anche notato che le aziende esportatrici possono rimborsare fino al 100% dei loro costi per la realizzazione di beni, servizi e proprietà intellettuale nei paesi europei e ottenere fino a 3 milioni di rubli dalle autorità di Mosca. Questo importo può coprire i costi di adattamento, certificazione e trasporto dei prodotti, così come la certificazione dei sistemi di gestione.

Mosprom, il centro per il sostegno e lo sviluppo delle esportazioni industriali e agro-industriali, assiste gli imprenditori moscoviti nella padronanza dei mercati esteri. Gli specialisti dell'istituzione forniscono assistenza alle aziende in aree come l'analisi della loro preparazione per le attività di esportazione, l'audit delle attività economiche estere, la ricerca dei mercati internazionali, la consulenza sulla certificazione dei prodotti, lo sdoganamento e la logistica.