Le aziende britanniche hanno aumentato gli investimenti nello sviluppo di Mosca di 2,3 volte in cinque anni
2021-01-11 05:07

Le aziende britanniche hanno aumentato gli investimenti nello sviluppo di Mosca di 2,3 volte in cinque anni

Secondo la Banca Centrale della Russia, negli ultimi cinque anni il volume totale degli investimenti delle aziende britanniche nello sviluppo economico di Mosca è aumentato di 2,3 volte. A partire dal 1° luglio 2020, l'importo totale degli investimenti diretti accumulati dalla Gran Bretagna nella capitale ha raggiunto 18 miliardi di dollari. È stato riferito da Vladimir Yefimov, il vice di Sergei Sobyanin per l'economia e le relazioni di terra e proprietà.

L'anno scorso, le autorità di Mosca hanno organizzato una videoconferenza con i rappresentanti delle aziende britanniche che hanno i loro uffici in città. Durante l'evento i britannici hanno raccontato il loro lavoro sul territorio della Federazione Russa, hanno espresso proposte e ottenuto risposte a molte domande di interesse.

Investimenti britannici a Mosca

Ricordiamo che la lista di tali organizzazioni è abbastanza ampia. Grandi aziende britanniche come British American Tobacco, Unilever, Diageo hanno i loro uffici a Mosca. Le organizzazioni di consulenza come Knight Frank e Ernst & Young, e Deloitte dovrebbero anche essere menzionate. E ci sono anche uffici di rappresentanza nella capitale russa delle più grandi aziende farmaceutiche britanniche: GlaxoSmithKline e AstraZeneca.

Secondo gli analisti, l'anno scorso è stato caratterizzato da un afflusso di finanziamenti esteri nell'economia di Mosca, nonostante la difficile situazione economica mondiale. Per esempio, Vladimir Yefimov ha notato che anche in condizioni di declino globale del fatturato del commercio estero i rappresentanti della comunità d'affari di altri paesi non hanno cessato di infondere attivamente le loro finanze a Mosca. Il maggior volume di investimenti riguarda le aziende del settore finanziario, così come le organizzazioni assicurative, l'industria e l'alta tecnologia. Come accennato sopra, a partire dall'inizio di luglio 2020 la Gran Bretagna ha investito nell'economia della capitale russa quasi 18 miliardi di dollari di investimenti diretti. Questa cifra è del 40% superiore a quella dell'aprile dello stesso anno: allora l'importo totale dei fondi degli uomini d'affari britannici, accumulati a Mosca, ammontava a 12,8 miliardi di dollari di investimenti diretti. Cinque anni prima, questa cifra era di soli 7,6 miliardi di dollari. Così, nel periodo analizzato, il volume totale degli investimenti degli uomini d'affari britannici nello sviluppo dei loro uffici di rappresentanza a Mosca è più che raddoppiato.

Inoltre, l'anno 2020 è stato segnato da un aumento delle esportazioni di vari gruppi di merci dalla capitale russa al Regno Unito. Così, nei primi 3 trimestri dell'anno scorso, è aumentato di 2,3 volte, ammontando a 10,5 miliardi di dollari in termini monetari. Va notato che nella struttura complessiva delle attività di esportazione di Mosca, la vendita di beni alla Gran Bretagna occupa una quota dell'11%. I prodotti dell'industria chimica, i computer, le attrezzature meccaniche e i macchinari sono i più richiesti dai britannici.

Secondo un giusto commento di Alf Torrents, il capo della Camera di Commercio Russo-Britannica, oggi Mosca è una sorta di corridoio per la Federazione Russa, attraverso il quale gli uomini d'affari britannici entrano nella nostra economia. L'esperto ha anche notato che le conferenze di tutti i tipi permettono agli investitori stranieri di conoscere le opportunità di investimento che il capitale russo può fornire, così come introdurre le aziende che hanno già esperienza di operare in Russia.

I benefici impressionanti della cooperazione delle autorità della capitale con gli uomini d'affari stranieri sono chiaramente dimostrati dalle cifre. Così, il 1° luglio 2020, il valore totale degli investimenti stranieri accumulati dalla città era più di 260 miliardi di dollari.

Secondo Emil Petrosyan, il vice capo del dipartimento di Mosca per gli investimenti e la politica industriale, uno dei principali incentivi per gli imprenditori stranieri ad aprire i loro uffici di rappresentanza a Mosca è un contratto di compensazione. L'esecuzione di un tale accordo è la promessa di vendite di prodotti a lungo termine per gli uomini d'affari, e la capitale russa riceve in cambio nuovi posti di lavoro e una quantità di entrate fiscali. La città ha già firmato quattro accordi di offset con aziende specializzate nell'industria farmaceutica, dei dispositivi medici e alimentare. Il volume totale degli investimenti privati sotto questi contratti ammontava a 11,9 miliardi di rubli, e l'importo totale degli acquisti - 71,6 miliardi.

Grandi privilegi per gli stranieri sono offerti oggi da Technopolis "Mosca" che fa parte della zona economica speciale (SEZ). Avendo collocato qui i loro impianti di produzione, l'uomo d'affari riceve incentivi fiscali per il profitto, la proprietà e il terreno, che saranno validi per tutti i 10 anni.

La SEZ "Technopolis "Mosca" è composta da cinque siti industriali e produttivi, che insieme occupano più di 200 ettari di territorio. Questi sono:

- posizione in Pechatniki;

- Sito di Alabushevo;

- "Mikron";

- "Angstrem";

- MIET.

La SEZ ha territori greenfield e brownfield. Le aziende specializzate in alta tecnologia si trovano per lo più nella tecnopoli. Oggi ce ne sono più di 180. Allo stesso tempo, 79 aziende hanno ottenuto lo status di residenti. Sono produttori di:

- microelettronica;

- attrezzature per il risparmio energetico;

- purificatori d'aria;

- prodotti farmaceutici;

- compositi;

- apparecchiature di refrigerazione, ecc.

Si può dire senza falsa modestia che attualmente "Mosca" è un luogo dove sono state create tutte le condizioni per uno sviluppo di successo degli affari, compresi quelli esteri.

La Gran Bretagna non è affatto l'unico paese che investe nello sviluppo economico di Mosca. Gli uomini d'affari cinesi sono impegnati in attività simili. Di conseguenza, alcuni di loro ottengono lo status di residenti nella SEZ. Per esempio, nell'autunno 2020, è stata acquisita dal produttore di schede SIM Eastcompeace Technology. L'azienda si trova anche sul territorio di Technopolis "Mosca". Si specializzerà nella produzione di carte bancarie e nello sviluppo di software per eSIM. Le capacità di produzione dell'azienda saranno localizzate nel sito di Alabushevo. L'impianto, il cui lancio è previsto per il 2022, creerà più di 50 nuovi posti di lavoro.