Le esportazioni delle aziende di Mosca verso l'Europa sono raddoppiate a 15,3 miliardi di dollari
2021-01-11 05:07

Le esportazioni delle aziende di Mosca verso l'Europa sono raddoppiate a 15,3 miliardi di dollari

Nel dicembre dello scorso anno, sono stati riassunti i risultati dei volumi di esportazione di prodotti non energetici e non di risorse, che sono forniti in Europa dalle imprese di Mosca. L'analisi è stata raccolta per i primi nove mesi del periodo. Secondo Vladimir Efimov, vicepresidente di Sergei Sobyanin per la politica economica e le relazioni con la proprietà e la terra, il volume totale delle vendite degli industriali della capitale è aumentato di 2 volte, che ammonta in contanti a 15,3 miliardi di dollari. L'anno scorso, questa cifra era molto più modesta - solo 7,8 miliardi di dollari.

Per quanto riguarda i mercati dell'Europa occidentale, in questa direzione per i primi tre trimestri del 2020, le esportazioni non energetiche sono aumentate del 218,9%, pari a 11,7 miliardi di dollari in termini monetari. Per esempio, gli industriali di Mosca hanno venduto merci per un valore di 348,88 milioni di dollari solo nei Paesi Bassi. Prendendo i primi nove mesi del 2019 come confronto, l'indicatore è aumentato del 9,7%.

Esportazioni delle imprese moscovite verso i mercati dell'Unione Europea

Attualmente, c'è una crescita attiva della domanda estera per i seguenti gruppi di prodotti industriali:

circuiti integrati elettronici. Il volume totale delle loro esportazioni per i primi tre trimestri del 2020 è quasi raddoppiato, pari a 2,74 milioni di dollari;

beni e prodotti dell'industria farmaceutica. I partner stranieri hanno acquistato quasi 18 volte di più di questi prodotti dalle imprese della capitale rispetto al periodo gennaio-settembre 2019. L'importo totale delle transazioni - 1,17 milioni di dollari;

cosmetici. La domanda è aumentata di tre volte: 0,67 milioni di dollari.

Ora caratterizziamo brevemente l'attività di esportazione dei moscoviti nei mercati del Nord Europa. Nei primi tre trimestri del 2020, il volume totale delle merci vendute su di loro è aumentato del 9,1% a 615,86 milioni di dollari. I principali acquirenti erano due stati: Danimarca e Norvegia. Per queste destinazioni, l'aumento della domanda è stato rispettivamente del 51,1% e del 16,8%.

Un così forte aumento delle esportazioni verso la Danimarca è dovuto alla diversificazione delle forniture delle imprese della capitale. Prima di tutto, si tratta di commutatori a bassa tensione, che hanno iniziato ad essere esportati nella regione solo nel settembre 2020. Per quanto riguarda la Norvegia, ha mostrato il maggior interesse per le attrezzature meccaniche, i macchinari e i computer. Il volume totale delle spedizioni in questo paese nel periodo gennaio-settembre 2020 è stimato in 2,13 milioni di dollari.

Alexander Prokhorov, capo del dipartimento per gli investimenti e la politica industriale della capitale, nota che durante il periodo analizzato, i paesi baltici hanno dimostrato un maggiore interesse per i prodotti della capitale. Così, per i primi tre trimestri del 2020, la domanda totale di questi paesi è aumentata esattamente due volte e ammonta a 276,11 milioni di dollari. In Lettonia, i moscoviti hanno fornito merci per 79,15 milioni di dollari (31,5% in più rispetto al gennaio-settembre 2019), in Estonia - 151,18 milioni di dollari (un aumento del 418,3% rispetto al 2019).

La Lettonia per la maggior parte ha acquistato prodotti farmaceutici e cosmetici da uomini d'affari della capitale. Così, la domanda per il primo è aumentata del 57,12%, per il secondo del 31,3%. L'Estonia ha mostrato il maggior interesse per i prodotti dell'industria chimica, i dispositivi medici e i prodotti. In questa direzione, i volumi di esportazione per 9 mesi del 2020 sono aumentati del 119,39%.

Va ricordato che i primi sei mesi del 2020 hanno mostrato anche una buona dinamica per le esportazioni di prodotti non primari non energetici dei produttori moscoviti verso gli stati dell'Europa settentrionale e orientale. Così, nel gennaio-giugno dello scorso anno gli imprenditori sono riusciti a guadagnare più di 2 miliardi di dollari in questi mercati.

Commentando la situazione, Vladimir Efimov ha detto che le merci più popolari tra gli stranieri in quel momento erano i macchinari (compresi quelli automobilistici) e le attrezzature meccaniche, così come i prodotti medici. La farmacologia e l'industria alimentare hanno dimostrato le dinamiche di vendita più impressionanti. Nei primi 6 mesi del 2020, il volume aggregato delle esportazioni di questi beni verso l'Europa è stato il doppio rispetto allo stesso periodo del 2019. I principali acquirenti sono stati:

Repubblica Ceca - 177,16 milioni di dollari;

Estonia - 145,93 milioni;

Finlandia - 143,23 milioni;

Svezia - 103,98 milioni di dollari.

Vladimir Efimov ha spiegato che l'interesse dei paesi europei per certi gruppi di prodotti fabbricati nella capitale russa è causato dalla vicinanza della loro posizione geografica.

A parte i favoriti assoluti del mercato - prodotti farmaceutici e cosmetici - nel gennaio-giugno 2020, gli industriali moscoviti sono riusciti ad aumentare il volume delle vendite di ricambi auto e dispositivi meccanici in Danimarca esattamente di due volte. Questo ha innescato un aumento complessivo del 6% delle esportazioni dei produttori della capitale verso quel paese.

C'è anche un aumento delle vendite in Islanda. Rispetto ai primi sei mesi del 2019, le esportazioni di merci di Mosca verso questo paese sono aumentate di quasi 10 volte. Alexander Prokhorov ha notato che, in generale, il flusso di esportazioni non energetiche verso l'Islanda è stato piccolo, e questa cifra è dovuta alla fornitura di attrezzature. Le attrezzature per la filtrazione e la purificazione di liquidi e gas hanno preso più del 90% della struttura totale delle merci che le imprese della capitale hanno fornito a questo paese nei primi due trimestri del 2020.

Secondo i dati analitici, da gennaio a maggio 2020 le imprese industriali e agroindustriali della capitale hanno venduto i loro prodotti in 151 paesi. Il principale acquirente è stato il Regno Unito, che ha comprato 3,34 miliardi di dollari di merci dai moscoviti. Il secondo posto è andato agli Stati Uniti (1,15 miliardi di dollari di prodotti acquistati). Il "bronzo" è andato alla Bielorussia (900 milioni di dollari), e il quarto posto è stato preso dal Kazakistan (880 milioni di dollari).

Le autorità metropolitane capiscono quanto sia difficile per gli imprenditori padroneggiare il mercato internazionale. Ecco perché è stato istituito Mosprom, un centro di supporto all'esportazione. I dipendenti dell'istituzione forniscono agli uomini d'affari un'assistenza completa nell'attività economica estera: consigliano sulla legislazione interna di altri stati, sulla certificazione delle merci, sulla logistica e così via. Inoltre, gli specialisti della Mosprom effettuano studi sulle condizioni del mercato internazionale, identificano i suoi bisogni e le aree promettenti del commercio.