Le imprese di Mosca hanno quasi 7 volte aumentato le consegne in Israele
2021-01-11 05:07

Le imprese di Mosca hanno quasi 7 volte aumentato le consegne in Israele

Il volume dei flussi di esportazione diretti dalle imprese industriali della capitale verso il mercato israeliano è aumentato di quasi sette volte nel periodo gennaio-maggio 2020. Il relativo messaggio è stato pubblicato sul sito ufficiale del sindaco di Mosca.

Vladimir Efimov, vicesindaco di Mosca per la politica economica e le relazioni tra proprietà e territorio, ha detto che la tendenza all'aumento delle esportazioni di prodotti industriali da Mosca a Israele può essere tracciata di anno in anno. Così, da gennaio a maggio 2020, gli imprenditori della capitale sono riusciti a ottenere 47,8 milioni di dollari in questo mercato. Questa cifra è sette volte superiore a quella di gennaio-maggio 2019, e quasi il doppio rispetto agli ultimi 24 mesi.

Tali risultati impressionanti sono stati raggiunti dai moscoviti attraverso le esportazioni in Israele dei seguenti gruppi di beni industriali:

attrezzatura meccanica;

apparecchiature di comunicazione.

Il sito web del sindaco di Mosca riferisce anche che, nonostante la pandemia di coronavirus e le conseguenti restrizioni, il totale del commercio di esportazione delle imprese moscovite nei primi cinque mesi del 2020 è rimasto al livello dell'anno precedente, pari a più di 290 milioni di dollari.

Tuttavia, nonostante l'inizio ottimistico dell'anno e l'attiva attività economica estera degli industriali di Mosca, nei primi tre trimestri del 2020, le esportazioni aggregate della Russia verso Israele sono diminuite del 27,71% (325,1 milioni di dollari) rispetto allo stesso periodo del 2019.

Per quanto riguarda le esportazioni di prodotti industriali verso altri paesi, le imprese della capitale sono riuscite anche qui a mostrare un'alta tendenza positiva. Così, nei primi cinque mesi del 2020, gli uomini d'affari di Mosca hanno aumentato i volumi di esportazione verso il Messico quasi tre volte (fino a 10,25 milioni di dollari), e verso il Vietnam 2,5 volte (fino a 11,7 milioni di dollari). Questi stati acquistano principalmente prodotti di ingegneria, attrezzature meccaniche, cosmetici, prodotti medici e prodotti chimici.

In 9 mesi del 2020, le esportazioni non energetiche di Mosca verso il Vietnam sono state pari a 57,21 milioni di dollari, ovvero l'8,5% di tutte le esportazioni non energetiche che il nostro paese ha fatto in questo periodo. Questo è il 143,7% in più rispetto al periodo precedente (23,48 milioni di dollari). Secondo Vladimir Yefimov, la svolta si è verificata a causa del fatto che gli uomini d'affari della capitale hanno firmato contratti con partner vietnamiti per le forniture di nuovi gruppi di merci. Per esempio, il polipropilene.

L'elenco delle esportazioni vietnamite comprendeva anche:

Prodotti dell'industria alimentare (prodotti caseari e farinacei). Le loro vendite hanno generato 7,60 milioni di dollari (un aumento del 13,7% rispetto all'anno precedente);

attrezzature meccaniche, computer e altri dispositivi tecnici. Il Vietnam l'ha acquistato per 3,72 milioni di dollari (+292,1% sul 2019);

Farmaci confezionati. Sono stati venduti per 3,03 milioni di dollari (in aumento del 141,9% su base annua).

Alexander Prokhorov, capo del dipartimento degli investimenti e dell'industria di Mosca, ha detto che il mercato vietnamita è estremamente attraente per i nostri colleghi produttori di beni industriali. Secondo il funzionario, i prodotti più popolari in Vietnam sono focalizzati su bisogni specifici della popolazione. Prokhorov ha anche citato la struttura di spesa dei residenti dello stato per il 2019:

cibo - 33,9% del reddito disponibile;

istruzione - 7,2%;

elettrodomestici - 7,1%;

beni e servizi di comunicazione - 6,6%.

Secondo gli esperti di Mosprom (il centro di supporto e sviluppo delle esportazioni della capitale), tra tutti gli stati della regione Asia-Pacifico, il mercato dei consumi del Vietnam è uno dei più dinamici e in più rapida crescita. Secondo i risultati dell'analisi effettuata dagli esperti del Centro, dal 2015, la spesa dei consumatori vietnamiti è aumentata annualmente di circa l'8%. La dinamica di questo coefficiente tra gli altri paesi della regione è molto più bassa - solo il 4,7%. Oltre a questo, c'è un buon potere d'acquisto dei cittadini della Repubblica: nel 2019, era più di 8.000 dollari pro capite. Mosprom spiega questo con i seguenti fattori:

La maggior parte della popolazione (69,2%) del Vietnam è costituita da cittadini abili. Il tasso di disoccupazione della repubblica è uno dei più bassi della regione, intorno al 2%;

Le autorità della Repubblica stanno attivamente sviluppando grandi città e centri finanziari. Questo ha un effetto favorevole sul tenore di vita della popolazione e contribuisce al rafforzamento di tutti i settori dell'economia.

Mosprom crede che nei prossimi cinque anni, il mercato vietnamita diventerà più attivo, e le esigenze della popolazione della repubblica cresceranno. Secondo gli esperti, nel 2021 la domanda totale del popolo vietnamita per il cibo sarà di circa 85,71 miliardi di dollari, e nel 2025 raggiungerà 125,28 miliardi di dollari.

I dipendenti di Mosprom notano anche che le autorità della città di Mosca hanno fornito un supporto completo alle aziende della capitale che commerciano con il Vietnam per diversi anni di fila. Così, nel 2019, è stata organizzata una missione d'affari in Vietnam per i produttori alimentari e FMCG di Mosca con l'assistenza del centro. Come risultato, i nostri compatrioti sono riusciti a concordare con i partner vietnamiti le consegne regolari di prodotti dolciari, bevande, alimenti dietetici, beni per diabetici.

In conclusione, ricordiamo che il centro di capitale "Mosprom" è stato creato appositamente per aiutare gli imprenditori nazionali a entrare nel mercato internazionale. Aiuta gli uomini d'affari a costruire relazioni commerciali con l'estero, seleziona compratori internazionali collaudati, ecc. Gli specialisti del centro assistono le aziende in ambiti come l'analisi della loro preparazione per l'attività di esportazione, l'audit dell'attività economica estera, le consulenze sulla certificazione dei prodotti, lo sdoganamento e la logistica. Secondo Natalya Shuvalova, direttore generale del Centro, gli specialisti non usano un algoritmo di lavoro generale, ma cercano di trovare un approccio individuale per ogni azienda in base alle specificità delle sue attività, all'esperienza di lavoro nei mercati internazionali e ad altri fattori.