Esportazione di prodotti farmaceutici fabbricati da imprese moscovite
2021-01-11 05:07

Esportazione di prodotti farmaceutici fabbricati da imprese moscovite

Gli specialisti del servizio stampa del centro moscovita di politica economica e delle relazioni tra proprietà e territorio hanno parlato delle dimensioni delle esportazioni di prodotti farmaceutici nei primi tre trimestri del 2020. Secondo i risultati del periodo, la quota aggregata di farmaci e prodotti medici, che i produttori della capitale hanno inviato all'estero, è aumentata di oltre il 36% rispetto ai nove mesi del 2019. In termini monetari, questo ammontava a più di 227 milioni di dollari.

Cifre più precise sono state espresse in una relazione di Vladimir Efimov (il vice di Sergei Sobyanin per la politica economica e le relazioni fondiarie e immobiliari), ascoltato al Forum internazionale di esperti "Made in Russia". Il funzionario ha notato che il volume aggregato delle esportazioni dei produttori farmaceutici della capitale nel periodo gennaio-settembre 2020 ha mostrato una buona tendenza positiva - del 36,1% (o 227,46 milioni di dollari) in più rispetto allo stesso periodo del 2019. La crescita massima si è vista nella vendita di farmaci confezionati spediti all'estero - 67,1%. Vladimir Yefimov ha anche menzionato che è questo gruppo di beni che rappresenta il 60% delle esportazioni totali di Mosca di prodotti farmaceutici.

Secondo i dati presentati dal funzionario, l'esportazione totale di questo gruppo di beni in termini di valore è di 139,42 milioni di dollari. Il principale acquirente è l'Uzbekistan - sono stati venduti farmaci confezionati per un importo di 23,49 milioni di dollari.

Analizzando il volume e la struttura dell'esportazione di prodotti farmaceutici della capitale, i dipendenti del Centro di sostegno e sviluppo delle esportazioni "Mosprom" notano che la dinamica massima delle vendite all'estero per 9 mesi del 2020 ha mostrato antibiotici. Le aziende farmaceutiche di Mosca li hanno venduti quasi 10 volte di più che nello stesso periodo del 2019. Tra i principali acquirenti ci sono stati come:

- Kazakistan;

- Singapore;

- Bielorussia.

Inoltre, il volume delle vendite all'estero di farmaci immunologici destinati alla vendita nelle catene di farmacie al dettaglio è aumentato di più di 1/3 (del 34,3%). Per il periodo gennaio-settembre 2020 ammontava a 10,68 mln di dollari in equivalente monetario.

I dipendenti del servizio stampa del centro moscovita di politica economica e di rapporti tra proprietà e territorio notano che la struttura geografica dell'esportazione di prodotti medici di capitale, prima di tutto, è presentata dagli stati del vicino estero:

- Nei tre trimestri del 2020, l'Uzbekistan ha acquistato prodotti farmaceutici per un valore di 31,78 milioni di dollari dai moscoviti;

- Bielorussia - per 29,93 milioni

- Kazakistan - di 23,81 milioni; e

- Ucraina - 19,98 milioni.

I produttori farmaceutici di Mosca hanno anche commercializzato attivamente i loro prodotti in due stati del continente africano:

- Nigeria (per 15,23 milioni di dollari);

- Congo (di 7,69 milioni di dollari).

Il numero totale di clienti stranieri, ai quali le aziende farmaceutiche di Mosca hanno esportato i loro prodotti durante i 9 mesi del 2020, è di 93 paesi.

Alexander Prokhorov, il capo del Dipartimento per gli investimenti e la politica industriale di Mosca, nota che i prodotti degli stabilimenti farmaceutici di Mosca stanno diventando ogni anno sempre più popolari e richiesti sul mercato internazionale. Per esempio, il volume delle esportazioni dello stabilimento endocrino di Mosca nel 2019 era del 2,9% nel totale nella struttura delle vendite di prodotti, e nel 2020, la cifra è aumentata più di 2 volte - fino al 6,2%. Ad oggi, l'azienda ha contratti di fornitura di medicinali con 18 paesi.

Va ricordato che l'impianto endocrino di Mosca è la più grande azienda farmaceutica di Mosca. Fu fondata nella primavera del 1943 sulla base della fabbrica di carne di A.I. Mikoyan. Durante la Grande Guerra Patriottica lo stabilimento forniva al fronte e alle retrovie farmaci vitali: insulina, tireoidina e altri. Dagli anni 1990, l'impianto ha sviluppato attivamente la produzione dei propri antidolorifici e di altri prodotti farmaceutici.

Nonostante il fatto che lo stabilimento endocrino di Mosca sia stato fondato nella prima metà del secolo scorso, è al passo con i tempi. Nel 2016, l'azienda ha lanciato un programma su larga scala per padroneggiare la produzione di nuovi tipi di prodotti. Gli investimenti in questo progetto ammontano a più di 2 miliardi di rubli.

Come parte del suddetto programma, due officine dello stabilimento con una superficie totale di più di 3.000 metri quadrati sono state ricostruite e riattrezzate. Ci sono voluti diversi anni: il processo di modernizzazione del primo laboratorio è stato completato nel 2019, e il secondo laboratorio - nel 2020.

Il primo laboratorio è specializzato nella produzione di sistemi terapeutici transdermici (cerotti) e film transmucosi (applicati alla mucosa orale). È stato commissionato nel maggio 2019. La ricostruzione è costata alla direzione dell'impianto 140,3 milioni di rubli.

Il secondo workshop implementa il processo tecnologico per la produzione di farmaci liofilizzati e liquidi iniettabili (colliri). Molto di più - 1,2 miliardi di rubli - è stato speso per la sua modernizzazione. L'impianto è stato commissionato nel gennaio 2020.

Moscow Endocrine Plant ha due filiali: Pochep e Lefortovsky. I lavori di ricostruzione e modernizzazione sono attualmente in corso nella seconda unità situata sull'autostrada Entuziastov (Mosca). Secondo il piano, saranno completati entro gennaio 2022. I rinnovati laboratori della filiale di Lefortovo produrranno

- più di 1 miliardo di forme di dosaggio solide (compresse, capsule);

- circa 60 milioni di preparati in ampolle di vetro;

- 33 milioni di sistemi terapeutici transdermici;

- 10 milioni di unità di farmaci liofilizzati e soluzioni spray non sterili;

- 3 milioni di unità di soluzioni sterili in emulsione (fiale e flaconi).

La filiale Pochep (situata nella regione di Bryansk) sta creando impianti di produzione per la fabbricazione di sostanze farmaceutiche attive da materie prime di origine animale e vegetale, sostanze ottenute con metodi di sintesi chimica e biotecnologica, nonché dispositivi medici. Per esempio, durante la pandemia dei covidi, le maschere mediche cominciarono ad essere cucite qui.