Il volume delle esportazioni delle aziende della capitale verso la Cina è aumentato del 40%.
2021-01-11 05:07

Il volume delle esportazioni delle aziende della capitale verso la Cina è aumentato del 40%.

All'inizio di dicembre 2020, il servizio stampa del Dipartimento per la politica economica e le relazioni di proprietà della capitale ha pubblicato l'informazione che il volume totale delle esportazioni verso la Cina da parte delle aziende moscovite negli ultimi nove mesi è aumentato di oltre il 40%, se si tiene conto dello stesso periodo del 2019.

Vladimir Yefimov, il vice di Sergei Sobyanin per le questioni economiche, immobiliari e fondiarie, ha notato che gli industriali della capitale e la Cina sono da tempo in buoni rapporti di collaborazione. Così, sullo stato dato è il 15,8 % dell'esportazione cumulativa di tutti i beni dei produttori di Mosca. E le aziende cinesi hanno investito nello sviluppo dell'economia della città circa 1 miliardo di dollari.

Il funzionario ha detto che nei primi nove mesi dell'anno scorso, il volume totale delle esportazioni di energia senza risorse dalla capitale russa alla Cina in termini di denaro ammontava a 1,5 miliardi di dollari. Questo è un aumento del 40,8% rispetto alla cifra del 2019.

Come menzionato sopra, le aziende cinesi stanno investendo attivamente denaro nello sviluppo economico della città. Di conseguenza, alcuni di loro ottengono lo status di residenti nelle zone economiche speciali (SEZ). Questo status permette una serie di benefici fiscali ed esenta le imprese dai dazi doganali. Per esempio, nell'autunno 2020, questo status è stato concesso a Eastcompeace Technology, un importante produttore cinese di schede SIM, o più specificamente, al suo ufficio di rappresentanza russo chiamato Eastcompeace Rus. L'azienda si trova sul territorio di Technopolis Mosca, uno dei migliori siti SEZ.

Si dice che l'azienda si specializzerà nella produzione di carte bancarie e nello sviluppo di software per eSIM. All'inizio di dicembre 2020, l'azienda stava attivamente sviluppando un progetto per costruire un proprio edificio nel sito di Alabushevo. L'impianto creerà più di 50 nuovi posti di lavoro.

Konstantin Shimolin, il capo di Istkompis Rus, ha notato che il lancio dell'impianto è previsto per il secondo trimestre del 2022, e l'edificio dell'impianto stesso sarà messo in funzione nel primo trimestre del prossimo anno.

Secondo Svetlana Ganeeva, direttore della City Investment Management Agency, attualmente nella Federazione Russa c'è un attivo sviluppo di piattaforme elettroniche create appositamente per le esigenze del business, anche internazionale. Per esempio, il Portale degli Investimenti opera con successo nella capitale da circa 7 anni. Su questa piattaforma, ogni imprenditore può ottenere una vasta gamma di informazioni utili, dalle misure di sostegno disponibili a una lista di proprietà di Mosca che possono essere affittate o acquistate. Il portale d'informazione dà all'utente l'accesso a 29 servizi, che semplificano notevolmente le attività d'investimento delle imprese del capitale (e non solo).

Va anche notato che alla fine dell'autunno 2020, lo stesso Vladimir Yefimov ha annunciato una notizia importante per la comunità imprenditoriale: un'altra piattaforma digitale è in fase di sviluppo attivo nella capitale. L'obiettivo della piattaforma è quello di sostenere le imprese russe che lavorano per l'esportazione. Come concepito dai creatori, il nuovo portale darà agli uomini d'affari della capitale la possibilità di comunicare direttamente con potenziali acquirenti situati in altri paesi.

La lista delle società straniere da inserire nel sito virtuale sarà fornita da Mosprom. Questa istituzione è stata creata appositamente per aiutare gli uomini d'affari russi a sviluppare i mercati internazionali. Se un fornitore nazionale non si è mai impegnato in attività di commercio estero, ma vuole provare le sue forze in questa direzione, può anche lasciare una domanda appropriata sul portale. Il lancio dell'innovativa piattaforma virtuale è previsto per quest'anno.

Vladimir Yefimov ha notato che l'idea di creare il portale è stata innescata da un forte aumento di interesse per la produzione delle imprese moscovite da altri paesi. Attualmente il più alto livello di domanda estera è osservato nel campo delle apparecchiature di comunicazione e telecomunicazione. Così, nei primi 9 mesi dell'anno scorso, il totale delle esportazioni di soli cavi in fibra ottica è aumentato del 79% rispetto ai primi tre trimestri del 2019. In termini monetari, l'importo ammontava a 1,74 milioni di dollari. Contemporaneamente ai prodotti via cavo, gli acquirenti di altri paesi hanno una crescente domanda di attrezzature per la costruzione di linee di comunicazione. È causato dallo sviluppo attivo dell'infrastruttura Internet e dalla diffusione delle tecnologie 5G. I paesi europei sono particolarmente attivi in questo campo.

A causa di tutto questo le autorità della capitale hanno deciso di dare un ulteriore sostegno ai produttori di Mosca nello sviluppo dei mercati internazionali, oltre a quelle misure che sono già in vigore oggi. Come menzionato sopra, la borsa digitale dovrebbe iniziare a funzionare già nel 2021. Sarà possibile accedere alla piattaforma attraverso il sito web di Mosprom.

Bisogna anche notare che la Cina non è l'unica destinazione delle esportazioni tra le imprese della capitale. Così, per 8 mesi del 2020 i produttori moscoviti di prodotti high-tech hanno fornito attivamente i loro prodotti al Giappone e all'India. L'acquirente più attivo è stato l'India - in 8 mesi del 2020, il 63% in più di prodotti high-tech sono stati inviati a questo paese rispetto allo stesso periodo del 2019. In termini monetari, questo ammontava a 140,32 milioni di dollari. Anche dal 26,2% più prodotti dai moscoviti è stato acquistato dal Giappone (511,71 milioni di dollari) e dal 22,4% - Cina (563,31 milioni di dollari).

L'elenco dei prodotti di alta tecnologia, esportati dalle imprese moscovite verso i paesi asiatici, comprende una gamma abbastanza ampia di merci. Questo include interruttori elettrici, apparecchiature di comunicazione, pezzi di ricambio per apparecchiature informatiche, apparecchiature di trasmissione, ecc. I più richiesti in 8 mesi del 2020 sono stati i motori a turbina e le turbine a gas. La quantità di forniture di questi beni ha occupato più di 1/3 del volume totale delle esportazioni verso il mercato asiatico e ammontava a 348,67 milioni di dollari. Inoltre, è aumentato anche il volume delle esportazioni di apparecchiature di comunicazione: in 8 mesi dell'anno precedente, questi beni sono stati venduti ai paesi asiatici per 16,65 milioni di dollari.